Feeds:
Articoli
Commenti

Archive for settembre 2008

-in trappola-

Mi manca rifugiarmi contro il tuo ricordo

irto ed aspro

quando durante la marea

mi aspettavi sulla riva del rimpianto…

tu lo scoglio contro cui disintegravo

la mia folle ed imperterrita danza

di onda anomala e assassina.

Ora che ho chiuso a chiave la mia stanza

non c’è più posto neppure per te

su questo mio assurdo pianeta.

Ho perso la combinazione ed ogni eventuale soluzione.

Annunci

Read Full Post »

“Quando il Signore fece tornare i reduci di Sion, ci sembrava di sognare.

Allra spuntarono sorrisi sulle nostre labbra, e canti di gioia sulle nostre lingue.

Allora si diceva tra le nazioni: <<L’Eterno ha fatto cose grandi per loro>>.

L’Eterno ha fatto cose grandi per noi, e noi siamo nella gioia.

Signore, fà tornare i nostri deportati, come torrenti nel deserto del Neghev.

Quelli che seminano con lacrime, mieteranno con canti di gioia.

Se ne va piangendo colui che porta il seme da spargere,

ma tornerà con canti di gioia quando porterà i suoi covoni”

Perché Tu, Padre, non hai dimenticato…

Read Full Post »

Come un tempo…

Appuntamento con la vita sopra una panchina in una notte di settembre…

Come una promessa esaudita al dettaglio, tutto concordato…

Avrei finanche potuto immaginare l’odore della sera nella Tua promessa… dieci anni fa.

Io so che Tu mi conosci, e so che Tu sai darmi il dono nell’istante esatto in cui mi è necessario.

Per questo eri lì, su quella panchina, insieme a me… a vedermi sorridere mentre toccavo con mano l’ala della Tua misericordia, giunta fino a me, dal Cielo…

Immeritatamente ho accettato questo Tuo regalo, prezioso oggi come allora… forse anche di più…

Eppure, a volte, i dubbi ancora bussano alla porta del mio cuore elemosinando certezze e prove del Tuo amore…

Ti vedo, anche quando me ne sto zitta e in disparte, all’opera nella mia vita…

come Potenza guaritrice asciugar ogni mia lacrima ed ogni mia ferita…

Le labbra, umide dal pianto, vorrebbero baciare l’orlo della veste Tua… raggiungere il Tuo trono col sussurro del mio canto… bagnarti i piedi di lodi profumate e poi asciugarli coi capelli del mio capo, che Tu tutti hai contati…

E Tu che sai della mia vita il numero dei giorni, ed i fatti del mio cuore non ti sono sconosciuti…

Tu che ti curi dei dettagli e dei contorni, sai cancellare fragili tristezze e dubbi sottaciuti.

Ti invoco questa sera, sottovoce,e come un tempo ascolto la Tua musica celeste… ché l’arpa del Cielo, quando suona, non mi stanca mai…

Su di una panchina le Tue dita han suonato un concerto atteso da tempo, senza badare alle etichette e a nessun regolamento…

Tu sei il Maestro, io sono lo strumento…

Ti offro la mia vita, come uno spartito, Tu scrivi le tue note col Tuo amore

E poi, oggi come un tempo, stupiscimi Signore.

Read Full Post »

Fili di seta…

Fili di seta… fragili e sottili… ricamati sul tessuto della vita, quello grande, quello di tutti…

Questo siamo… e mentre ricamiamo scriviamo con il filo ciò che siamo…

Sto ancora dipingendo i miei colori sul grande lenzuolo… ma a tratti poi mi fermo ricercando tracce antiche, quelle che segnano la rotta…

Indagando la condotta di ciò che sono stata ora mi assumo ogni responsabilità d’ogni groviglio e d’ogni nodo…

Ma Tu, dove sei?

Parlami ancora tra le trame del vissuto,

ché questa vita senza Te è solo sterile tessuto, scadente…

Tu sei il senso d’ogni mio disegno…

… per Te ho lasciato impronte sul mondo…

Son filo troppo fragile senza il Tuo sostegno…

Ti cerco mentre scucio ogni ragionamento

e silenziosamente ingoio ogni pentimento…

Ma Tu dove sei?

Parlami ancora tra la brezza della sera

quando fa fresco e il vento già sussurra una preghiera

Io rapida ti aspetto ché non so andare avanti…

Insegnami, Ti prego, la Tua strada…

regalami matasse nuove e nuovi canti

e guida la mia mano in questa vita,

e il mio ricamo…

Read Full Post »